Blog

3 Domande a Alessandro Paiusco, Change e Project Manager @ Infonet Solutions Srl

  |   Interviste, News

Ciao Alessandro, come stai?

Ciao Chiara, molto bene grazie.
È stato un periodo lavorativamente intenso, ma sono soddisfatto per me e per tutti i miei colleghi.

Come sono stati questi mesi di emergenza sanitaria per te e per il team di Security Room?

Questi mesi sono stati decisamente impegnativi ma anche molto stimolanti.

La necessità di uno smartworking sempre più diffuso ha da un lato creato la necessità di creare nuove modalità di lavoro e di accesso ai diversi sistemi aziendali e dall’altro di assicurare la sicurezza dei collegamenti stessi e delle postazioni di lavoro remote.

Molte realtà erano già pronte a questa modalità, e si è trattato di applicare procedure già rodate nel tempo, altre aziende no e sono dovute partire da zero in tempo zero a strutturarsi per lo smartworking, ma con lo sforzo di tutti si è riusciti in breve tempo ad assicurare la continuità lavorativa, con ottimi risultati.

Questo è stato un obiettivo operativo molto importante.

Nel contempo l’aumentata sensibilità dei diversi reparti informativi ci ha chiesto un ulteriore aiuto nell’integrare soluzioni esistenti con sistemi avanzati di sicurezza e con un monitoraggio costante.

Faccio un semplice esempio:

quando si è nella rete locale aziendale col proprio PC si ha la sensazione di essere molto protetti, ed in molti casi è vero. Quando però si lavora da casa e si usa un dispositivo non aziendale aumentano le preoccupazioni. Poiché non abbiamo un firewall con policy aziendali, o un antivirus monitorato o sistemi aggiornati costantemente e così via.

La sfida è stata analizzare ogni situazione e trovare la corretta soluzione in poco tempo.

In questo senso la Security Room ha potuto consigliare l’adozione di tecnologie come il Multi Factor Autenthication per gli accessi esterni, il filtro e il monitoraggio di quali dispositivi si potevano o meno connettere alla rete aziendale dall’esterno, tra le altre soluzioni proposte.

E non da ultimo, abbiamo monitorato H24 alcune realtà informatiche dove il personale IT non era in servizio perché purtroppo l’azienda era stata costretta a rimanere in regime di lockdown (ma i sistemi IT no!)

Cosa potrebbe riservare il prossimo futuro per la Security Room ?

Io credo il tema della sicurezza informatica sarà sempre più centrale e strategico per i nostri clienti. Esso però non potrà risolversi con la sola adozione di strumenti tecnologici, gli strumenti vanno governati e le decisioni vanno prese in un’ottica molto più ampia e più a lungo termine.

A questo fine ci stiamo attrezzando per fornire report sempre più precisi sulla situazione di sicurezza IT, anche normativa, e sempre di più saranno i tavoli di lavoro con i clienti al fine di concordare e condividere le azioni di remediation.

È un ciclo sempre in progress e a noi piace alzare il livello di sicurezza e delle buone pratiche IT.

 

Alessandro Paiusco
#staystrong
It’s a good day to have a good day

Paiusco

Alessandro Paiusco
Change e Project Manager @ Infonet Solutions Srl

#SecurityRoom | #ControlRoom | #PatchManagement